Poesia in Vernacolo


LU CANTE DI TÈRRA D'ORE

I.

Pe' ste valle e sti cuolle ajje sentite 
vatte' e pparlà' lu core de le préte,
so' vist' a smove' e ttòrcese la créte 
p' amore de lu sole e dde la vite.

Ti vuojje fà' nu cante, tèrra bbone, 
tèrre di monte e ttèrre di marine:

pe' ste valle e sti cuolle ch'aria fine 
e cche bellézze e cquanta passione!

II.

Ti vuojje fà' nu cante campagnole 
frésch' e llucènte come le canzune 
che ssiente da sti ggiùvene cafune 
la sére a la calate de lu sole.

Éntr' a stu cante ti ci vuojje métte' 
tutte lu rise de le ggiuvenétte,

ti vuojje éntr' a stu cante métte' 
tutte lu 'ddore de li fiure e dde li frutte.



IL CANTO DI TERRA D'ORO

I.

Per queste valli e questi colli ho udito
batter, parlare il core de le pietre,
ho visto mover, torcersi la creta
per amore del sole e de la vita.

Ti voglio fare un canto, terra bona,
terra di monte e terra di marina:

in colle e in valle, qui, che aria fina 
e che bellezza e quanta passione!

II.

Ti voglio fare un canto campagnolo 
fresco e lucente come le canzoni
ch 'odi da questi giovani cafoni 
cantar la sera al tramontar del sole.

In questo canto ti ci voglio mettere
tutti i sorrisi de le giovinette,

ti voglio in questo canto metter tutti
gli odori dei tuoi fiori e dei tuoi frutti.



LU RUÇIGNOLE

I.
Cante li ruçignuole pe' le vìe
di campagne tutt' àlbere e ffrescure, 
e ccante pe' le ròcchie tutte fiure
e ppe' li macchiunitte tutte 'mbrìe,
pe' le valluocchie e ppe' li ruvanielle,
sott' a le fonte éntr' a le friette chiuse, 
cante sti juorne luminuse e bbielle,
cante ste nuotte lìmpede e 'dduruse.

II.
Ci sta une, lu mastre de li miestre, 
che nen sa ch' è lu sònne e lu repose, 
e ss' à fatte lu nide tra le rose
salvàteche ècche sott' a la fenèstre:
e tté na voce, té na vocia tonne,
ch' è ttant' acute, ch' è ttante prufonne, 
nche ccierte recalate e ccierte 'scite,
che tti pare na mùseca finite.

III.

E spèzze e tt' arecchiappe nche nu tone 
divèrse, e mmo s' affùrie e mmo va lènte, 
e mmo siente nu ciùfele e mmo siente
nu gride... E mmute sèmpre la canzone.
Stié 'ssentì', stié 'ssentì'... E cche sci 'ntése?
À parlate lu vènte tra le fronne,
l'acque 'm mèzz' a li fiure?.. Nu paése
vèrd' e tturchine çî traviste 'n sònne?

IV.

N' è cchiù la voce de lu ruçignole,
è la voce de ll' àneme che ttréme
e cche cchiame... tra l'ombre aresentéme
nen sacce che ssuspire e cche pparole
ch' éme 'ntése na vóte chi sa quanne
e e cchi sa dove... Avé da rèsse' sotte
a nu ciele gne cquéste, éntr' a na notte
gne cquéste, ma cchiù ccupe, ma cchiù ggranne.

V.

Jere sére n'ancore ascé la lune,
e le lucecappielle tra le rame
di chele rose mi paré nu ssame
di stelle: avé caliete a un' a une
pe' nen si fà' vedé'?.. Ére nu vole
di stélle cchiù luntane e cchiù leggiere
le note de lu cante... Jere sére
m' avé 'mpazzite nche lu ruçignole?

VI.

S' annazzeché le rame de le rose
nche nu 'ddore cchiù vive. Chelu cante 
ne' mm' avé ditte maie tante cose,
cose luciente ch' ére ggioie e ppiante.
Nche le lucecappielle a mmill' a mmille
'n tèrre abballé le stélle... A le 'mpruvise
lu cante aresunì come nu strille
di disperazione... e ppo', che rrise!. ,



IL ROSIGNOLO

I.
Cantano i rosignuoli per le vie
di campagna tutt'alberi e frescura, 
cantan per i cespugli tutti fiori
e per i macchionetti tutt'ombrìe,
lungo i rivoli e lungo i valloncelli,
sotto le fonti entro le fratte chiuse,
cantano in questi giorni chiari e belli,
in queste notti limpide e odorose.

II.

Ce n'è uno, il maestro dei maestri,
che non conosce il sonno nè il riposo,
e che s'è fatto il nido tra le rose 
selvatiche qui sotto la finestra:
ed ha una voce, una voce rotonda, 
ch 'è tanto acuta, ch 'è tanto profonda, 
con certe inflessioni e certe uscite,
che ti pare una musica finita.

III.

E si ferma e ripiglia con un tono diverso, 
ed or s'affuria ed or va lento, 
ed ora senti un fischio ed ora senti
un grido... E muta sempre la canzone.
Tu sèguiti a sentire... E ch 'ài sentito?
Il vento tra le foglie t'à parlato,
l'acqua tra i fiori?.. Nel sogno un paese
verde e turchino innanzi ti s'è schiuso?

IV.

La voce non è più del rosignolo,
è la voce de l'anima che trema
e che chiama... Tra l'ombre risentiamo
non so quali sospir, quali parole
ch 'abbiamo inteso un tempo chi sa quando
e chi sa dove... Esser doveva sotto
un cielo come questo, entro una notte
come questa, ma più cupa, più grande.

V.

Ier sera ancora non sorgea la luna,
e mi parean le lucciole tra i rami
di quelle rose simili a uno sciame
di stelle: erano scese ad una ad una
per non farsi vedere?.. Erano un volo
di stelle più lontano e più leggiero
le note di quel canto... Ieri sera
m'ero impazzito con il rosignolo?

VI.

Oscillavano i rami de le rose
con un odor più vivo. Mai quel canto 
m'aveva detto tante tante cose,
cose lucenti ch'eran gioia e pianto.
Con le lucciole in terra a mille a mille
danzavano le stelle... A l'improvviso
il canto risonò come uno strillo
di disperazione... e poi, che riso!



ROSE DI FRA TTE

Róse di fratte, 'm mèzz' a ttante foche 
di róse d' orte e rróse di ciardine,
ci sta pure pe' tté na nsi di loche,
e n' ti lagnà' ca sta 'm mèzz' a le spine.

Róse di fratte, róse a ccinche fojje, 
nen ti lagnà' ca n' ti se l' ome còjje,

nen ti lagnà' ca n' ti se l' om' accatte, 
e mmuore, a ddo' çi nate, éntr' a la fratte.



ROSA DI FRATTA

Rosa di fratta, in mezzo a tanto fuoco 
di rose d'orto e rose di giardino,
anche per te si trova un po' di loco,
nè ti lagnare che sta tra le spine.

Rosa di fratta, rosa a cinque foglie, 
non ti lagnare che non ti si coglie,

non ti lagnare che non sei comprata, 
e muori entro la siepe, ove sei nata.



LA VIE DE LA FONTE

I.
Vìe de la Fonte, come t' i mutate!
A ddove se n' è jte cheli ddìe
d' ulme e ddi cierche, che ffacé la state 
tutte chela frescure e cchela 'mbrìe?
Paré di caminà' pe' nu viale
cupèrte: çì e nno ci 'ntré lu sole,
e ssopre ci canté tante cicale,
e ssotte ci passé tante fijole.

II.

Sole ci rèste, pe' rrecorde, ancore
la cèrche che ppiantì cènt' ann' arréte
nu viecchie ch' ére ditte lu Pruféte,
e cch' è ccresciute pròpie gne nu fiore:
s' è ffatte cchiù rretonne e nche la cime 
chi sa ddo' 'rrive, ma n' è cchiù gne pprime,
gne cquande si vedé a passà' sotte
tante fijole nche le tine a ffrotte.

III.

E cquante fiure a la staggione... N' anne
n' ci si vedé 'mmenì' nu ggiuvenétte
che nem purtave lu carufenétte
rósce a la récchie, vèrse San Giuvanne.
E ppurté li caruòfene e le rame
di cetrunèlle e ddi vasanecole,
a la cénte, a lu pètte, le fijóle,
e une ce ne stave tante 'mbame.

IV.

E cquante frutte a la staggione, e cquante 
scappate pe' le friette e strille e rrise!
E cci sté quélle 'm mèzz' a cchele 'mpise... 
O cèrche, n' te le puó scurdà' lu cante
di chela vocche: n' ére culurite
accuçì li cerase rusce, quanne
se li magné ridènne... A ddove è jte
tutte le maravijje di chell' anne?

V.

Pó paré' bbèlle pure mo sta vìe 
sultant' a cquille che ne' l' à vedute 
com' ére allore: ma chi c' è mmenute 
nche li cumpiegne de lu tèmpe mìe,
e cc-i-arevé dope tant' anne a spasse
sole sole gne mmé, di sére, a st' ore,
tra sta sulènzie, nem pó dà' nu passe
che n' si sènte na bbòtte éntr' a lu core.

VI.

Vò resentì' la fonte: ma la fonte 
come na vote cchiù ne rride e ccante, 
e sse je parle a ll' àneme, areccónte 
chelu tèmpe pe' ffàrese nu piante.
O fonte, o fonta viecchie, cheli juorne
e cchele cose bbielle n' aretórne!
O fonta viecchie, bbona ggiuventù!
bbuone canzone!... n' aretórne cchiù!



LA VIA DE LA FONTE

I.
Via de la Fonte, come sei mutata! 
Dove sono spariti quegl'iddìi
d'olmi e di querci, che facean l'estate 
tutta quella frescura e quell'ombrìa?
Parea di camminar per un viale
coperto: sì e no c'entrava il sole,
e ci cantavan su tante cicale,
e sotto che viavai di figliole.

II.

Solo ci resta, per ricordo, ancora
la quercia che piantò cent'anni dietro
un vecchio che chiamavano il Profeta, 
e ch 'è cresciuta proprio come un fiore: 
s'è fatta pii!, rotonda e con la.cima
va in alto, ma non è più come prima,
come quando passar si vedea sotto
tante figliole con i tini a frotte.

III.

E quanti fiori a la stagione... Un anno 
venir non si vedea un giovinetto
che non portasse il suo garofanetto 
rosso a l'orecchio, verso San Giovanni.
E coi loro garofani i ramelli
portavan di basilico e cedrina,
a la cintola, al petto, le zitelle,
e c'era una tanto birichina.

IV.

E quanti frutti a la stagione, e quante 
fughe lungo le siepi e risa e strilli!
E tra quelle demonie c'era quella...
O quercia, non ti puoi scordare il canto
de la sua bocca: tanto colorite
non eran le ciliege rosse, quando
le addentava ridendo... Ove son ite
tutte le maraviglie di quell'anno?

V.

Può parer bella ancora questa via 
soltanto a quelli che non l'han veduta 
com'era allora: ma chi c'è venuto
con i compagni del bel tempo mio,
e torna qui dopo tant'anni a spasso
di sera, come me, solo, a quest'ora
e tra questo silenzio, dare un passo
non può che non gli sbalzi dentro il cuore.

VI.

Vuoi risentir la fonte: ma la fonte 
come una volta più non ride e canta,
e se gli parla a l'anima, racconta
quel suo tempo d'allor per farsi un pianto.
O fonte, o fonte vecchia, più quei giorni
più quelle cose belle non ritornano!
O fonte vecchia, buona gioventù!
buone canzoni!... Non ritornan più!



LU CICLAMINE D'AUTUNNE


Ciclamine d' autunne, a le 'mpruvise 
mi çì rise tra l'ombre de la fratte:
çì ttante bbèlle, e ppure mi çì fatte 
tante na péne, quande mi çì rise.

Mo tu ne' rride gna ridive allore 
tra marze e 'bbrile: mo çì n' atru fiore,

çì ccome na speranza sculurite 
che sse n' ò ì' e 'ncore n' se n' è jte.



IL CICLAMINO D'AUTUNNO


Ciclamino d'autunno, a l'improvviso
m 'hai sorriso tra l'ombre de la fratta:
sei tanto bello, e pure m 'hai fatto
tanto una pena, quando m 'hai sorriso.

Non ridi or tu come ridevi allora
tra marzo e aprile: or sei tu un altro fiore,

sei come una speranza scolorita
che andar sen vuole e ancor non se n'è ita.



LU CANTE DI TÈRRA D'ORE

I.

S' è ccupèrte di néve la Maièlle,
s' è ccupèrte di néve Montecorne,
o Tèrra d'Ore, e ttu come nu ggiorne 
di primavére a ll' uocchie mié çi bbèlle.

Nche le fronne u la néve pe' li rame, 
çi bbèlle déntr' a ll' àneme che cchiame:

nche lu ciele seréne u l'ombre nire, 
çi bbèlle éntr' a lu core che ssuspire.

II.

O Tèrra d'Ore, quante sone e ccante, 
e speranze e rrecuorde! Nen c' è state 
nu ggiorne maie che n' ti so' cantate
nche lu rise a la voce u nche lu piante.

Ti so' cantate a ttutte le staggiune,
ti so' cantate tutte le canzune,

quande fiurive e cquande t' i sfiurite, 
e stu cante nen è, nen è ffinite!



IL CANTO DI TERRA D'ORO

I.

S'è coperta di neve la Maiella,
s'è coperto di neve Montecorno,
o Terra d'Oro, e tu come in un giorno 
di primaveraa gli occhi miei sei bella.

Con le fronde o la neve per i rami,
sei bella dentro l'anima che chiama:

con l'ombre nere o il cielo di zaffiro, 
sei bella dentro il cuore che sospira.

II.

O Terra d'Oro, quanto suono e canto, 
e speranze e ricordi! Non c'è stato
un giorno solo che non t'ho cantata 
con il riso a la voce o con il pianto.

Ti ho cantata in tutte le stagioni,
ti ho cantato tutte le canzoni,

quando fiorivi e quando sei sfiorita,
e il mio canto non è, non è finito!



LU RÙCHELE

Schiòppe le préte pe' lu troppe calle
e ppe' lu troppe cante le cicale.
I' mi gode lu frésche a stu viale
tra l' ulme, e gguard' a tté, rùchele ggialle,

i' guard' a tté che ccuçì llèste e ppronte 
sénza 'mpujarte siejje pe' ssa rame...
I' sacce che vvié 'ffà' tu èss' ammonte, 
rùchele ggialle, i' sacce chi ti chiame.

Ti chiame 'n cim' a ll' albere lu sonne 
de la morte, e ccamine e n' t' arebbielle. 
Forse lu sonne de la morte è bbèlle
tra lu vèrde e lu rise di ste fronne,

è bbèlle nche stu ciele e nche stu cante 
che ccrésce 'nsimpre nche lu sole forte 
e ffa cantà' la vite tutta quante
e fforse fa cantà' pure la morte.

E ssiejje e ssiejje e rréte n' t' arevuote 
e n' t'areguierde 'ntorne... Ah, se pputésse
muri' i' pure e nen guardarm' apprèsse, 
tranquille come tté, come tté sciote!

Ah, se pputésse, se pputésse i' pure
aresponne' gne tté a la chiamate, 
nche lu sole lucènte e la frescure 
tra la mùseca granne de la state!



IL BRUCO

Scoppian le pietre per il caldo ardente
e per l'intenso canto le cicale.
lo qui mi godo il fresco del viale
tra gli olmi, o bruco giallo, e pongo mente

a te che sali così pronto e lesto 
senza fermarti per codesta rama... 
lo so che vai tu a fare su codesto 
albero, bruco giallo, e chi ti chiama.

Ti chiama in cima all'albero il riposo 
de la morte, e vai su docile e snello. 
Forse il riposo de la morte è bello
tra il verde riso di quest'olmo ombroso,

è bel con questo cielo e questo canto 
che cresce insieme con il sole forte
e fa cantar la vita tutta quanta
e forse fa cantare anche la morte.

E sali e sali e dietro non ti volti,
né ti riguardi intorno... Ah, se potessi 
anch'io morir senza guardarmi appresso, 
tranquillo come te, come te sciolto!

Ah, se potessi, se potessi io pure 
risponder come te a la chiamata, 
con il sole lucente e la frescura 
tra la musica grande de l'estate!


VÈNTE CHE PPIESSE!

Vènte che piesse, quante cose dice 
e mmo tié une e mmo tié n' atra voce! 
Lu fiume se ne ì vèrse la foce:
a ddove se ne ì l'età ffelice?

Mo come pprime ci sta cante e ssone, 
e lu mutive antiche è ssèmpre bbèlle, 
ma tu, gna l' aredice, n' ci cchiù cquélle, 
vènte che ppiesse, çi mutate tone.

Mo tu ride, e ssu rise è gne lu piante 
e mmi piace e ssenti' ne' le vulésse: 
mo li piacire mié, vènte che ppiesse, 
pare li fiure de lu campesante:

cheli fiure spuntì sott' a na croce 
e tté déntr' a na fòsse le radice... 
Vènte che ppiesse, quante cose dice 
e mmo tié une e mmo tié n' atra voce!


VENTO CHE PASSI!

Vento che passi, quante cose dici 
ed ora hai una ed ora un'altra voce! 
Il fiume se ne andò verso la foce: 
dove andarono i nostri anni felici?

Or come prima ci son canto e suono, 
ed il motivo antico è sempre bello, 
ma, nel ridirlo, tu non sei più quello, 
vento che passi, or hai diverso tono.

Or tu ridi, e il tuo riso è come il pianto 
e mi piace e sentir non lo vorrei:
vento che passi, ora i piaceri miei 
rassomigliano ai fior del camposanto:

spuntarono quei fior sotto una croce 
ed hanno entro una fossa le radici... 
Vento che passi, quante cose dici
ed ora hai una ed ora un'altra voce!



LA FONTE

Che ccose dice l'acque de la fonte? 
Mo t' apiense ca ride e mmo ca piagne. 
L' ajje sentite 'm mèzz' a la campagne, 
sott' a la fratte e ppo' sott' a lu ponte:

fa gne une che tté tante secrite,
tante recuorde, e cchiame e ss' annascónne... 
Che ccose dice l'acque che s' affónne
sott' a li chiuoppe, déntr' a li cannite?

Da tante tèmpe l'acque va ‘lu mare, 
la vita nostre è ttutte nu mistére.
I', quande guarde 'n ciele cierte sére 
che nen ci sta la lune e ll' arie è cchiare,

e vvéde chele stélle che n' té fine 
e ssènte chela fonte che nen cèsse, 
i' mi ci pèrde, gna mi si purtésse 
vèrse lu mare l'acque che ccamine.

M' arevé 'm mènte l' anne ch' è ppassiete 
e cquanta ggiuventù ècche è mmenute, 
c-i-à rise, c-i-à cantate, e ss' è pperdute 
nu ggiorne a ccampesante tra la créte.

Quill' ére come nnu', quill' à sentite 
come nnu' stu parlà' misteriose, 
quille pure vulé sapé' caccose
e pprime di sapérle se n' è ite.

Le vite nuostre passe a un' a une 
e ccome ll' acque se ne va luntane. 
Da tante tèmpe parle sta funtane: 
quélle che ddice ne' le sa neçiune.


LA FONTE

Che cosa dice l'acqua de la fonte? 
Or ti pare che rida, ora che pianga. 
L'ho sentita là in mezzo a la campagna, 
sotto la siepe e poi là sotto il ponte:

fa com' un ch'abbia in cuor tanti segreti, 
tanti ricordi, e chiami e si nasconda... 
Che cosa dice l'acqua che s'affonda
là sotto i pioppi, là dentro i canneti?

Da tanto tempo l'acqua corre al mare, 
la vita nostra è tutta nel mistero.
Io, quando guardo in alto certe sere
che non esce là luna e l'aria è chiara,

e vedo quelle stelle senza fine
e sento quella fonte che non cessa,
io mi ci perdo, quasi mi traesse
giù verso il mare l'acqua che cammina.

Mi tornano al pensier gli anni passati 
e quanta gioventù è qui venuta,
ci ha riso, ci ha cantato, e s'è perduta 
un giorno a camposanto tra la creta.

Quelli eran come noi, quelli han sentito 
come noi questo suon misterioso,
anche quelli volean saper qualcosa
e prima di saperla son partiti.

Passan le vite nostre ad una ad una 
e come l'acqua se ne van lontano. 
Da tanto tempo parla sta fontana: 
quello che dice non lo sa nessuno.



SSA VOCCHE

Apre ssa feneštrélle, 
ammìneme nu fiore, 
ammìneme nu 'ddore 
di ssa vuccuccia té.

Ssa vócche è gne nu bbèlle 
caròfene scarlate: 
t'addore voc' e ffiate 
quande tu pierl' a mmé.

Damme na róse, damme 
na róse che mmo sfiocche: 
ma rósce gne ssa vócche 
na róse nen ci sta.

Ssa vócche è gne na fiamme, 
ssa vócche è gne na vraçe: 
ammìneme nu vaçe,
ne mmi fà' ććhiù ppenà'.



LU PIANTE DE LE FOJJE

Lu ciel' è ććhiuse e ććhiuse è la muntagne, 
le fòjje ggialle casche a un' a une,
e ssi còjje la 'live, e la campagne
tra la nèbbie aresòne di canzune...
Sèmpre šta nèbbie, amore, gna si còjje
la 'live, e ccasch' a ll' arbere le fòjje!

S'alz' a lu ciele tant' e ttante scale
gne tra nu sonne che nen sacce dire; 
sajje cantènne l'anem' e rrecàle
da 'n ciele 'n tèrre e jjètte nu suspire... 
Puòrteme tra la nèbbie, tra le rame,
na scale, amore, a ll' aneme che ććhiame.

'N cim' a na scale ci šta na fijole
che 'm mèzz' a ll' atre voce fa da prime, 
e, gna vuléss' aretruvà' lu sole,
s' aalż' aalże e sse ne va ććhiù 'n cime... 
Ah cchela voce che ffa da suprane, 
amor' amore, falle cantà' piane!

Le fòjje fa nu piante pe' la vie,
e lu cant' aresone entr' a lu core 
gne nu salut' afflitte, gne n'addìe 
di tante cose bbielle che ssi more, 
di tante care nuode che ss' asciòjje, 
amore, tra lu piante de le fòjje.



SSI CAPILLE

Ssi capille, Caruline, 
com' è nnire, com' è ffine: 
tutte pièhe, tutt'anèlle,
a vvedérle fa 'ncantà'.

Caruline, une ććhiù bbèlle 
nen si trov' a štu quartiere: 
na ććhiù scicca capelliere, 
Caruline, nen ci šta.

Sse ciuffétte è nu capricce, 
nen té réhule ssi ricce: 
mo na bbòffe s' arebbèlle, 
mo na fézze vo scappà'.

Caruline, une ććhiù bbèlle 
nen si trov' a štu quartiere:
na ććhiù scicca capelliere, 
Caruline, nen ci šta.

Trécce luonghe, trécce piene, 
pènne come le catène,
gne le sierpe s' arrutèlle, 
l'arie 'ntome fa 'ddurà.

Caruline, une ććhiù bbèlle 
nen si trov' a štu quartiere: 
na ććhiù scicca capelliere, 
Caruline, nen ci šta.

Quande tu sse trécc-i-asciuojje, 
i' mi more di na vòjje:
tra ssi ricce, tra ss' anèlle
mi vuléss' annascunnà'.

Caruline, une ććhiù bbèlle 
nen si trov' a štu quartiere: 
na ććhiù scicca capelliere, 
Caruline, nen ci šta.



VUCCUCCIA D'ORE

Li vase di caruòfen' addurave, 
vuccuccia d'ore e uoććhie nire nire,
tu štiv' a la fenèstr' e j' passave,
nu fiore mi jettišt' e nu suspire:
mo n' t' arecuorde ććhiù di che lu fiore, 
nen t' arecuorde ććhiù lu prim' amore.

Mo ne' mmi vuò ććhiu ssentì', 
mo ne' ddice ććhiù ca çì, 
cuçì vva lu monne mo, prime ca çì,
dope ca no.

Ténghe nu fazzulétte recamate
nche li capille di ssa bbèlla trécce, 
ci šta ddu' cuore 'm mèżż' aretrattate, 
ddu' cuore trapassate nche na frécce, 
ci šta lu sanghe viv' a le ferite,
lu sanghe de l'amore ch' i tradite.

Mo ne' mmi vuò ććhiu ssentì', 
mo ne' ddice ććhiù ca çì, 
cuçì vva lu monne mo, prime ca çì,
dope ca no.

Mo' tu ti çi cquištate n' atr' amante,
mo tu ti çi 'ngrannite e vvié nche llusse,
t'i mésse le reććhine di bbrillante,
e, cquande 'ncuntr' a mmé, vuote lu musse, 
eppure i' ne' jjètte lu velène,
eppure mi vulive tante bbene.

Mo ne' mmi vuò ććhiu ssentì', 
mo ne' ddice ććhiù ca çì, 
cuçì vva lu mònne mo, prime ca çì,
dope ca no.

Come ti puo scurdà', faccia di ròse,
ci sém' amate da li quìnec-i-anne. 
Chess' atre ti prumétte, e n' ti si spose, 
mo ti fa tanta corte, e ppo' ti 'nganne. 
Remmìneme nu fior' e nu suspire, 
vuccuccia d'ore e uoććhie nire nire.

Mo ne' mmi vuò ććhiu ssentì', 
mo ne' ddice ććhiù ca çì, 
cuçì vva lu monne mo', 
prime ca çì,
dope ca no.



LA BBARCAROLE

Cale lu sole.
La bbarche cante
la bbarcarole.
Fiore di méle.
La sére ti porte nu véle
di lille, ggiunchijje e vviole.

Sol' a ssole, 
cor' a ccore
nche l'amore 
pe' lu mare!

Déntr' a lu mare
la lun' abballe
la saltarèlle.
Fiore fiurèlle.
La lune ti jètte nu scialle
di séte e dd' argènte a le spalle.

Bbèlle bbèlle', 
cor' a ccore
nche l'amore 
pe' lu mare!

Sopr' a lu mare
la notte pènne,
la nott' accénne.
Fiore di canne.
La notte t' à fatte na çianne. 
lucènte di stélle e ddi suonne.

Sénza 'nganne, 
cor' a ccore 
nche l'amore 
pe' lu mare!

Lu mare a ll' albe
appéne sbatte,
è ttutte latte.
Fiore di fratte.
Che llètte di ggijje, che llètte 
di rose l'amore t' à fatte!

Fitte fitte, 
cor' a ccore 
nche l'amore 
pe' lu mare!