Poesia in Latino

I.

FLORINVALLIS IN MERGANO*

Huius ocelle nitens Mergani villula ruris, 
quaestibus exiguis o mihi parta meis,

Florinvallis, ave, dum flores vallis habebit,
vitibus atque hortis quae tibi culta subest.

Mane adversa tuam sol inter amygdala frontem 
iucundo ex mediis frondibus igne ferit.

Ride. Omnes viridi circum velamine colles 
caeruleum rident limen adusque poli;

Frutto dei miei non lauti guadagni, pupilla ridente 
della terra Mergana, o piccoletta villa,

o Fiorinvalle, salve, finché la valle avrà fiori,
che sotto a te digrada d'orti e di vigne lieta.

In sul mattin, di mezzo ai rami dei mandorli, il sole 
ferisce la tua fronte d'una gioconda fiamma.

Ridi. Tutti in un verde velario sorridono in giro, 
fino al limite azzurro dell'orizzonte, i colli;

…………………………………………

inque suos varios late experrecta labores 
fervet et apta sibi praemia vita parat.

Ride. Quae solis pulcherrima lumine rident, 
dulce magis vitae ferre videntur ave.

At sub luce, precor, tua dum frons eminet alta, 
ne temnas humilem, quae silet ante, casam.

Nunc aliena, fuit mihi iam domus ampla, nec illam 
iam puduit nostros incoluisse patres.

Temporis illa mei puerilis pignora servat, 
illa iuventutis pignora cara tenet.

Dilecti nitida subeunt in imagine vultus, 
tamquam ver imo floreat ex animo.

e qua e là, per tutto, ai vari lavori ridesta,
ferve la vita e i mezzi adatti a sè prepara.

Ridi. Le cose che al lume del sole sorridon più belle, 
paion dare alla vita un più gentil saluto.

Ma, prego, mentre al sole tu alta levi la fronte,
non spregiar la casetta che a te dinanzi tace.

Essa, ora d'altri, fu un tempo per me già ampia dimora, 
né d'abitarla a vile ebbero i padri miei.

Della mia cara infanzia essa custodisce i ricordi, 
della mia giovinezza essa i ricordi tiene.

Ecco in immagin viva risorgono i volti diletti, 
quasi dall'imo cuore sbocci una primavera.

………………………………………


Mollibus aequales annis ludisque puellae, 
(ardens aestivo tempore vesper erat),

dum somno iaceo, illam reclusere fenestram, 
et cinxere meum, laeta corona, torum:

tum simul adscendente gradatim voce dederunt 
dulce melos teneris flexilibusque modis.

Somnia quae in somnis animam rapuere beata, 
si meminisse cupit, Musa referre nequit.

Cum sopor at fugit, cum volvi lumina circum, 
fulgida adhuc credens somnia adesse mihi,

ridentes oculis claris roseisque labellis 
vidi illas rapida limine abire fuga.


Era una calda sera d'un mese d'estate, e fanciulle, 
compagne dei miei giochi e dell'età mia nova,

mentr'io giacea nel sonno, aprirono quella finestra
e cinsero, gioconda corona, il letto mio;

poi, grado a grado alzando le voci, con agili e molli
note, sciolsero un canto pieno di melodia.

I sogni che nel sonno l'anima rapiron beata, 
se ricordar le è caro, non sa ridir la musa.

Ma quando fui desto, quando dintorno girai le pupille, 
credendo esser tra i miei fulgidi sogni ancora,

le vidi, col riso negli occhi lucenti, col riso nei labbri 
di rosa, via per l'uscio allontanarsi in fuga.

……………………………………….

Quas mihi delicias fatur memor illa fenestra, 
deliciae lacrimis quae tamen ora rigant!

Florinvallis, ave. Nostri sub vespere montes 
purpurea in niveo vertice nube micant:

aurea fit nubes, qua caelum spargitur auro, 
pallet et aetherias solvitur in violas.

Aureus ipsa die labente ardebis ut ignis, 
pallebis violis tu quoque, villa, tuis.

Sol abit. Ex nostris descendunt montibus umbrae: 
facta profunda magis cuncta quiete putes.

Murmure non ullo secretas undique voces 
fundit ab occultis cordibus illa quies.

Di quante gioie mi parla memore quella finestra, 
gioie che pur le gote mi rigano di pianto!

o Fiorinvalle, salve. Le nostre montagne al tramonto 
brillan di rossa nube su le nevose vette.

La nube si fa d'oro e d'oro illumina il cielo, 
poi, pallida, si scioglie in eteree viole.

E tu pur anche a sera d'un aureo fuoco arderai, 
pallida di viole sarai tu pure, o villa.

Cade il sole. Dai monti discende l'ombra: ogni cosa 
divenir più profonda nella quiete senti.

Da tutte parti, senza murmure alcuno, da cuori 
occulti, arcane voci quella quiete effonde.

……………………………………….

Audi quot caelo surgant suspiria rerum
quotque animae in foliis quotque querantur aquis;

arcanos audi numeros, quibus astra videntur 
nescio qua spe animis admonituque loqui.

Alta sed interea velutique per aera furtim 
luna ad sidereum tollitur alloquium.

Florinvallis, ave. Tibi ridet candida luna 
inter cancellos arboreasque comas.

Nulla tibi, quam nox effundit limpida, pacem 
turbent insolito pallida spectra metu;

sed quae tecta die placidae tenuere columbae, 
nocte suis alis somnia fausta tegant.

Odi quanti nell'aria si levan sospiri di cose,
quant'anime nell'acque piangono o tra le fronde;

odi gli arcani ritmi degli astri che all'anime pare 
di non so che ricordo parlino e di che speme.

Ma per l'aerea volta intanto quasi furtiva
sorge la luna all'alto colloquio delle stelle.

O Fiorinvalle, salve. A te fra i cancelli sorride 
candida e tra le chiome degli alberi la luna.

La pace, in cui t'avvolge la limpida notte, non turbi 
d'insolite paure nessuna triste larva;

ma il tetto, ove di giorno si posa n le miti colombe, 
proteggano di notte l'gli dei fausti sogni.

………………………………………….

Nocte dieque mihi curarum oblivia dones,
quae vitas hominum sub iuga vana trahunt.

Omnes quam petimus, quae non reperitur in urbe, 
da libertatem, villula clausa, mihi.

Venimus huc miseri ut, quisquis vulgaria mundi 
ponere lassata vincula mente cupit,

saepibus et muris, operosa negotia linquens, 
et sua defendat gaudia spemque suam.

Salve, Libertas, quae humani sola diei
defessis operis tempus onusque levas!

Huc ades, incertas rerum cum nosse per umbras 
quaero vias animi sollicitasque moras;

Di notte e giomo a me dona l'oblio delle cure, che sotto 
vani gioghi le vite traggono degli uomini.

La libertà, che tutti cerchiamo e nessuno ritrova 
nella città, mia villa, dammi nel tuo recinto.

Siam giunti a tal miseria, che chi dalle sciocche pastoie 
del mondo vuole il lasso spirito liberare,

debba, uscendo dai duri negozi, con siepi e con mura 
difender le sue gioie e le speranze sue.

Libertà, salve, che sola dell'uman giorno alle stanche 
opere render sai più lieve il peso e l'ora!

Sii qui, quando le vie dell'anima e i trepidi indugi 
io ricerco tra l'ombre incerte delle cose;

…………………………………………

cum studeo de corde meos deducere versus; 
cum mea contentus poma rosasque colo.

Huc ades. Est brevis hortus, agri sunt iugera pauca, 
sed mihi magnus amor, sed mihi magna fides.

Illae non multae, posui quas ordine, vites, 
quae mihi sufficiant, lenia villa dabunt;

pingue dabunt oleum, quod res mea poscat, olivae, 
saeclo consevi quas ineunte novo;

quae texunt opuli densis umbracula ramis, 
praebebunt calido frigora opaca die;

pinus odorates excelsa loquetur ad auras 
ignoti simulans murmura longa maris;

quando io mi studio a trarre con arte dal cuore i miei versi; 
quando, contento, i miei pomi e i miei fior coltivo.

Sii qui. Piccolo è l'orto, di pochi iugeri è il campo,
ma l'amor nostro è grande, grande la nostra fede.

Quelle non molte viti, che in file piantai, mi daranno 
tanto di tenue vino, quanto al bisogno basti;

mi daran olio pingue per l'uso di casa gli ulivi, 
che al principio del novo secolo trapiantai;

il padiglion che coi rami fronzuti tessono gli oppi, 
mi offerirà la fresca ombra nei caldi giorni;

parlerà l'alto pino all'aure odorate, e sentire
ci parrà come un lungo suono d'ignoto mare;


luscinia in cavea ver unum ex omnibus anni 
temporibus faciet voce modisque suis.

Debita nec deerunt iucundae munera mensae, 
qualia more patrum nostra culina docet.

Ovis commistae flavescens massa farinae,
secta in longa meris fila, coquatur aquis:

haec, qua Parthenope tam gaudet, iure rubenti 
in patinis madeant fumida fila cavis;

tritus, quo sapiant, ne caseus absit ovillus,
nec piperis mordax, si placet, absit odor.

Agnum saepe vero tenerum gallosque iuvencos 
prunitio sapiens verset in igne manus.

un usignuolo in gabbia di tutte l'altre stagioni 
farà una primavera sola con i suoi canti.

Né mancherà dei piatti dovuti la mensa gioconda, 
come dei nostri padri la buona usanza vuole.

S'impastino uova e farina, e poi la massa, ridotta 
in lunghi gialli fili, si cuocia in acqua pura;

e questi fili, rossi del sugo di pomodoro,
napolitana gioia, fumino dentro i piatti;

né manchi, a ben candidi, del buon pecorin grattugiato, 
né, quanto piaccia, il forte odor del peperone.

Spesso il tenero agnello, spesso i pollastri allo spiede 
in sui carboni accesi giri un'esperta mano.

……………………………………… 

Sed vel lauta mihi, vel simplex mensa paratur, 
accumbat mecum risus amorque dapis.

Risus amorque dapis dulces comitetur amicos, 
pectore qui memori se mihi ab urbe ferant.

In vino atque ioco tibi carmina grata canemus, 
dicemus laudes, villula cara, tuas.

Florinvallis, ave, Mergani ruris ocelle,
dum loca pulchra placent, dum loca sola beant!

MDCCCCX

Ma sontuosa o parca per me s'imbandisca la mensa, 
con me siedano insieme la gioia e l'appetito.

La gioia e l'appetito i cari amici accompagni
che, memori, verranno dalla città a trovarmi.

A te, fra il vino e il gioco, soavi canzoni diremo 
e canteremo, o cara villa, le lodi tue.

o Fiorinvalle, salve, dell'agro Mergano pupilla,
finché un bel luogo è gioia, un ermo luogo è pace.

1910

* Fiorinvalle è il nome della villa del poeta nella contrada Mergana 
a Sant’ Eusanio del Sangro, suo villaggio nativo.

Amico del De Titta, il prof. don Evandro Marcolongo, dei distici diede questa versione. 




VII.

PERITURA ET AETERNA

Cur fluxum fluxisse procul, cecidisse caducum 
et peritura tibi cur periisse doles?

Inspice sub vanis quae sunt aeterna figuris
et quibus ipse frui tempus in omme potes.